Cerca
Close this search box.

Il Finale di “Nope” di Jordan Peele

Il finale di “Nope” di Jordan Peele rivela la vera natura dell’alieno e si conclude con Emerald che cattura una fotografia dei suoi resti. Il destino di OJ rimane ambiguo, aggiungendo mistero al film.

“Nope” di Jordan Peele mescola i generi fantascienza, horror e western. Il finale del film ha suscitato molte discussioni. Esploriamo la trama, i temi e le interpretazioni di questo enigmatico epilogo.

Trama fino al Finale

“Nope” segue i fratelli OJ ed Emerald Haywood, che gestiscono un ranch di cavalli in California. Scoprono un’entità extraterrestre nel cielo. Inizialmente, pensano che sia un UFO. Si alleano con Angel, un dipendente di un negozio di tecnologia, e Antlers Holst, un cinematografo, per catturare prove dell’alieno. Chiamano questa prova la “Oprah Shot” – un’immagine perfetta della creatura.

Man mano che la storia si sviluppa, scoprono che l’alieno non è una nave spaziale, ma un organismo vivente. Consuma tutto ciò che lo guarda direttamente. Il climax coinvolge l’installazione di uomini tubolari gonfiabili per tracciare l’alieno e l’uso di una fotocamera non elettrica per catturare la sua immagine. L’alieno genera un campo anti-elettrico, disabilitando i dispositivi elettronici.

L’atto finale è intenso. Un cameraman di TMZ arriva inaspettatamente e viene consumato dall’alieno. Nonostante questo, il gruppo continua la sua missione. Antlers si sacrifica per ottenere un’inquadratura ravvicinata. OJ ed Emerald attirano la creatura a Jupiter’s Claim, un parco a tema nelle vicinanze. Emerald rilascia un enorme pallone a forma di Ricky “Jupe” Park. L’alieno consuma il pallone, che poi esplode al suo interno, portando alla sua fine. Emerald cattura una fotografia dei resti dell’alieno. OJ viene visto seduto su un cavallo fuori da Jupiter’s Claim, suggerendo che sia sopravvissuto (CNET).

Temi e Simbolismo

Spettacolo e Media

Un tema centrale è l’ossessione dell’umanità per catturare immagini sensazionali. La ricerca della “Oprah Shot” da parte dei personaggi mette in evidenza questo aspetto. Il film critica il ruolo dei media in questa ossessione. Il comportamento sconsiderato del cameraman di TMZ e la disponibilità dei personaggi a rischiare la vita per una fotografia sottolineano questo tema (Time).

Sfruttamento e Tokenismo

La sottotrama con Gordy, uno scimpanzé che impazzisce su un set televisivo, serve come metafora dello sfruttamento nell’industria dell’intrattenimento. La storia di Gordy parallela la trama principale, mostrando i pericoli dello sfruttamento degli esseri viventi per lo spettacolo. Il film tocca anche il tema del tokenismo e della marginalizzazione degli individui neri a Hollywood. I fratelli Haywood lottano per ottenere riconoscimento e successo nell’industria (Hollywood Reporter).

Sopravvivenza e Resilienza

Il viaggio dei personaggi è una testimonianza della resilienza umana e della volontà di sopravvivere. La determinazione di OJ ed Emerald a proteggere l’eredità della loro famiglia e a superare la minaccia aliena sottolinea il tema della sopravvivenza. La loro ingegnosità e il loro coraggio evidenziano la forza dei legami familiari e l’importanza della perseveranza.

Interpretazioni del Finale

Ambiguità e Finale Aperto

Jordan Peele lascia diversi aspetti del finale aperti all’interpretazione. Il destino di OJ è ambiguo, con l’ultima inquadratura che lo mostra come una figura sfocata a cavallo. Questo permette agli spettatori di trarre le proprie conclusioni sul futuro dei personaggi e sulle implicazioni più ampie della storia (Screen Rant).

Giudizio Morale e Punizione

Il film si apre con una citazione biblica: “Ti getterò addosso immondizia abominevole, ti renderò vile, ti farò diventare uno spettacolo”. Questo può essere visto come un giudizio morale sull’ossessione dell’umanità per lo spettacolo e lo sfruttamento. Il comportamento distruttivo dell’alieno può essere visto come una punizione per questi peccati sociali, facendo piovere immondizia e sangue come conseguenza (Time).

Un Film di Mostri Estivo

Nonostante i suoi temi più profondi, Peele descrive “Nope” come un semplice film di mostri estivo. Ha voluto creare uno spettacolo che fornisse un’esperienza immersiva ed emozionante. Questa dualità – un divertente film di mostri e un commento provocatorio – dimostra l’abilità di Peele come regista (CNET).

Conclusione

“Nope” di Jordan Peele combina i generi fantascienza, horror e western per offrire una storia unica. Il finale, con la sua azione avvincente e l’ambiguità aperta, invita a una riflessione più profonda. Temi di spettacolo, sfruttamento e resilienza sono intrecciati lungo tutto il film. “Nope” può essere apprezzato sia come un avvincente film di mostri che come una critica sociale sfumata. La capacità di Peele di bilanciare questi elementi cementa il suo status come una voce significativa nel cinema contemporaneo.

Riferimenti

Francese Spagnolo Inglese

Movies selected 4 You

Film

12 Giu 2024

V/H/S/99: Un’Antologia Horror da Non Perdere

Film

12 Giu 2024

The Good Nurse: Analisi e Temi del Film

Film

12 Giu 2024

Il Finale di “L’accademia del bene e del male”

Film

12 Giu 2024

La maledizione di Bridge Hollow: Recensione e Spiegazione del Finale

Film

11 Giu 2024

Raymond & Ray: Analisi del Finale e Tematiche

Film

11 Giu 2024

Rosaline: Una Nuova Visione di Romeo e Giulietta